Punti di ripristino Windows 10: vale la pena disattivarli o no?

Siamo ormai arrivati a Windows 10, un sistema operativo frutto di anni di esasperanti esperimenti (per tecnici e utenti). Adesso tutti gli utenti possono finalmente godere di molte misure di sicurezza e funzionalità, buona parte delle quali indicate per il recupero dei nostri dati.

Per certi versi però alcuni utenti si chiedono se tutte queste misure sono necessarie. Ad esempio, Windows 10 non solo ha una copia di ripristino completa del proprio sistema operativo, ma conserva le copie di alcuni file delicati ed applica altre numerose contromisure contro vari incidenti eventuali. Ma cosa c’è in cima a tutto questo? Il sistema dei punti di ripristino di Windows.

I punti di ripristino sono attualmente il mezzo più “antico” della Microsoft per rimettere in sesto il sistema operativo. Per ogni punto di ripristino creato viene salvata la parte che è stata modificata di recente nel sistema operativo. Ad esempio, se abbiamo installato un programma, Windows crea un punto di ripristino per fare in modo di permettere all’utente di “tornare indietro” se il PC avrà gravi problemi. Lo stesso avviene di tanto in tanto, creando così altri punti di ripristino (soprattutto quando spegniamo il nostro PC).

Creare un punto di ripristino può richiedere un po’ di lavoro da parte del nostro PC. Può richiedere spazio nel nostro Hard Disk ed una discreta quantità di CPU. Quindi si pensa che disattivare questa funzione è utile per ridare un po’ di vitalità al sistema. Ma è qui che dobbiamo fermarci: disabilitare questa protezione non può altro che essere nocivo.

La creazione dei punti di ripristino avvengono in tre occasioni:

  • Quando installiamo programmi (o driver)
  • Quando spegniamo il PC
  • Quando la manutenzione di sistema entra in azione

Quest’ultimo si mette in funzione quando lasciamo il nostro computer per qualche tempo, quindi non crea problemi durante l’uso del PC.

Come potete notare, questo servizio non è nocivo per le prestazioni del sistema. Se tuttavia avete intenzione di controllarlo, ecco cosa dovete fare: è necessario aprire esplora risorse, quindi cliccare con il tasto destro su “Questo PC” e andate quindi su Proprietà. Nelle scelte disponibili a destra, cliccare su Protezione Sistema. La finestra si aprirà direttamente sulle unità disponibili e dove il ripristino è attivo. Potete richiamare direttamente il servizio da lì oppure creare un punto di ripristino manualmente. Volendo, potete riservare più spazio oppure eliminare proprio la necessità di punti di ripristino nel sistema.